30/01/08

Mito da sfatare

Il mito da sfatare di oggi riguarda la riforma della legge elettorale. I sinistri (e in questa definizione comprendo non solo i comunisti veri e propri, gli ex comunisti e i post comunisti, ma tutto l'ambaradan che li appoggia, confindustria inclusa) stanno provando a far credere agli italiani che la legge elettorale vada cambiata PRIMA di andare alle elezioni, perché altrimenti non avremmo stabilità.

Bene, è una sonora stronzata. E ve lo spiego in due minuti.

Dio solo sa quanto io odi questa legge elettorale. Ho rischiato di non votare a destra quando Berlusconi ci ha dato questa porcata. Ma la odio perché ci ha tolto la possibilità di indicare preferenze, cosicché adesso siamo tutti obbligati a mettere una croce sulla lista, e non possiamo decidere chi ci rappresenterà. Sono i partiti a fare le liste dei futuri eletti...

Ecco, andate a rileggervi qualunque dichiarazione dei vari soloni che vogliono una riforma della legge elettorale. Non ne troverete uno - non uno!!! - che parli di riformare questa parte qui...tutti sono ben d'accordo di lasciare le cose come stanno, e cioe' di evitare che i cittadini possano indicare preferenze...vogliono solo cambiare il sistema di attribuzione dei seggi.

Ecco, il sistema di attribuzione dei seggi. Si dice che debba essere cambiato perche' l'instabilità del governo di colui che al governo non dura piu' di due anni (Prodi) sarebbe stata causata proprio dalla legge elettorale.

Ecco, questa è una cazzata. Per il semplice motivo che ci si dimentica di dire che al Senato Prodi le elezioni NON le ha vinte.

Vediamo i dati. Alla Camera la coalizione di Prodi prese 25.000 voti piu' del centrodestra. Ma le legge elettorale le diede una larghissimia maggioranza. Nonostante la maggioranza risicatissima in termini di voti.

Bene, al Senato, la coalizione di Prodi ha PERSO le elezioni. La CDL ha preso piu' voti. Nonostante questo, la legge elettorale ha garantito a Prodi una maggioranza al Senato di 1 voto, piu' quella degli infami senatori a vita, ma questa è un'altra storia.

Per cui, quando si dice che questa legge elettorale non garantirebbe la stabilità dei governi, si dice una cazzata grossa come il culo che Prodi ha avuto a poter governare due anni. Al contrario, questa legge elettorale dà alla coalizione vincente (sottolineo vincente: al Senato Prodi NON aveva vinto) una larghissima maggioranza parlamentare.

Ora, l'unica cosa sulla quale chi blatera sulla legge elettorale potrebbe aver ragione è riformare il sistema di assegnazione del premio di maggioranza al senato, di modo che tale premio venga dato a livello nazionale, e non regionale, proprio come alla Camera. Ma per fare questa riforma ci vogliono massimo 5 giorni.

Per cui tutte le cazzate sui governi di transizione per fare le riforme sono, appunto, cazzate. Per pararsi il culo. E' evidente che la Sinistra dimentica che già una volta ha tentato di salvarsi il culo in questo modo, con i governi Dini e Amato...ma non ci è riuscita.

Ha voglia di riprovarci?

Aggiornamento: beh, pare proprio di si', vogliono riprovarci. L'ineffabile Napolitano ha appena dato l'incarico a Marini. Poi non si lamentino se la gente comincia a menare le mani.

6 commenti:

Dreamy ha detto...

secondo me l'obiettivo è arrivare ia 2 anni 6 mesi ed 1 giorno per poter prendere la pensione da parlamentare, il resto sono chiacchiere.

fra l'altro il buon vecchio veltroni non sa piu che fare xche se vuole interrompere il suo mandato da sindaco di Roma deve rassegnare le dimissioni entro il 3 febbraio altrimenti sarà costretto a portare a termine il mandato (e quindi non puo presentarsi come leader del pd)

Demonio Pellegrino ha detto...

Vero Dreamy...anche se ho letto da qualche parte che in realta' la questione della pensione e' acilmente risolvibile (per loro, dico) se iil nuovo parlamento come primo atto ufficiale adotta una bella sanatoria dicendo che tutti i parlamentari passati hanno comunque diritto alla pensione.

pare sia gia' successo...

Su Veltroni, vedremo che fara'. ha il potenziale di essere per la sinistra quello che berlusconi fu per la destra. un potente aggregatore e innovatore. Se davvero va da solo alle elezioni, ci saranno in tanti che lo votano. E soprattutto getta le basi per un futuro migliore. Per tutti.

Marco ha detto...

La legge elettorale va cambiata anche secondo me, reinserendo la preferenza della persona da votare, e che come dici tu, che piu ci rappresenta.
Il problema pero', sono tutti questi partitucci minori che hanno troppo potere decisionale in una maggiornaza costretta a subire le loro richieste.
Dovrebbero cambiare proprio tutto il sistema e cominciare a togliere partiti che per gli italiani hanno un costo spropositato.
altre scelte da fare sarebbe abbassare le aliquote alle aziende e reintrodurre la scala mobile. ma questi sono altri problemi..
MArk

Demonio Pellegrino ha detto...

io sulle tasse sono ancora piu' drastico, e sto con capezzone: flat tax per tutti, sia le imprese sia le persone. E vedrai.

Il nero ha detto...

VERGOGNA....L'INCARICO A MARINI E' UNA VERGOGNA.

Giovanna Alborino ha detto...

la politica e' tutta da rifare...

ciao demonio..

Ti potrebbero interessare anche questi post qui:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...