21/01/10

Concorrenza benedetta

Evidentemente Amazon sa che il lancio del tablet della Apple, qualsiasi cosa sia, rappresenta una minaccia per il Kindle. Quindi ha annunciato che per la prima volta sara' possibile per sviluppatori esterni creare applicazioni per il Kindle...e sta anche facendo una campagna REGALANDO il Kindle ad alcuni utilizzatori del sito Amazon particolarmente attivi.

Benedetta concorrenza.

8 commenti:

Fabrizio Cariani ha detto...

volevo giusto commentare sul post del kindle, che la tablet della apple, qualunque cosa sia (:) ) e' in dirittura d'arrivo!!!

Demonio Pellegrino ha detto...

yes indeed, Fabrizio. Sono curioso. Dovrebbe uscire a marzo. Vediamo quanto sfoga come prezzo...e soprattutto vediamo quanto dura la batteria. Perche' gia' bestemmio piu' del dovuto a causa dell'iphone...

stefanoromagna ha detto...

Ormai al 27 manca poco. Presto sapremo tutto su questo famoso tablet! Ammesso che sia un tablet...
Ottima mossa quella di Amazon, anche se bisognerà capire che tipo di applicazioni verranno fornite, considerando le "lacune tecniche" di uno schermo e-link rispetto all'lcd che verrà montato sul dispositivo Apple. In ogni caso per noi è tanto di guadagnato.
Ah, se non lo sapessi, Garzanti ha appena fatto un accordo per vendere i suoi primi e-book compatibili con il Kindle proprio da Amazon. Sono pochi classici, in italiano, ma è uno spiraglio.
Anche la Mondadori ha deciso di chiudere il suo negozio di e-book per aprirne un altro, più competitivo e al passo coi tempi. Qualcosa si muove, finalmente.

Demonio Pellegrino ha detto...

si parla di cose per cui la mancanza di colore non e' importante: guide per viaggi, la famosa Zagat, e roba cosi'.

Non sapevo di garzanti e mondadori. Finalmente.

Fabrizio Cariani ha detto...

Io, in verita' spero che questa apertura del kindle alle applicazioni esterne apra un'insieme di possibilita' slegate dal mondo dell'editoria.

La lonely planet per il Kindle gia' c'e'. Quello che non c'e' e', non so, la guida di Demonio Pellegrino ai migliori hamburger di Chicago, magari venduta per una cifra simbolica (oppure $0).
O chesso' una competizione per aspiranti scrittori, dove ogni settimana ti scarichi un racconto e la gente vota.
Insomma, spero in un impeto molto piu' "dal basso" piuttosto che dai grandi editori...

Demonio Pellegrino ha detto...

be', ma quello che c'e' gia'. niente t'impedisce di vendere la tua roba su amazon, se credi. o di distribuirla gratuitamente in formato kindle.

palbi ha detto...

Mossa apprezzabile. Penso che le applicazioni al 90% saranno derivate da cose che gia' si trovano su i-phone e blackberry. Gli sviluppatori lavoreranno per renderle compatibili anche con la piattaforma kindle. Invece non credo che, per il momento, ci saranno provider che si specializzeranno sul kindle

Demonio Pellegrino ha detto...

mah, vedremo. A me la cosa non e' che interessi molto, devo ammettere. Uno dei punti di forza del Kindle per me e' la sua semplicita' e univocita' di utilizzo: ho gia' il telefonino per le applicazioni, e ho gia' il pc se voglio fare altro. Con il Kindle voglio un coso la cui batteria duri GIORNI e che mi faccia leggere libri. Tutto li'.

Ti potrebbero interessare anche questi post qui:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...