02/10/07

Una giustizia rapidissima

A dimostrazione che la giustizia italiana funziona a meraviglia e garantisce processi rapidi e soluzioni definitive in tempi ragionevolissimi, le agenzie di ieri riportavano la notizia che l'inchiesta sulla morte di Benito Mussolini e Claretta Petacci è stata archiviata, e che finalmente sappiamo la verità. 52 anni dopo i fatti.

Su queste basi, direi che sui casi Cogne e Garlasco c'è da aspettare un po'.

7 commenti:

Cartello ha detto...

Purtroppo, l'Italia è in crisi perenne. Un Paese nel quale non funzionano i tre pilastri (Giustizia, Sanità, Istruzione) di una democrazia moderna è destinato a esplodere, prima o poi. E non vi è governo, di destra, di centro o di sinistra che riesca o voglia cambiare qualcosa...Forza Grillo!

Giovanna Alborino ha detto...

parole sante !

Demonio Pellegrino ha detto...

benvenuto Cartello. Sono d'accordo con te fino al "forza grillo". Nonostante molte delle sue battaglie siano sacrosante, molte altre sono di un populismo allucinante e giuridicamente aberranti. ne parlavo qui: http://demoniopellegrino.blogspot.com/2007/09/perch-il-vaffanculo-collettivo-non-mi.html

Luisa ha detto...

Ciao Demonio, a Garlasco ora danno la colpa al padre di Stasi...ma che andassero a raccogliere le olive questi qui.

Il Nero ha detto...

A Cogne e' stata la franzoni, e' chiaro. a garlasco non lo so.

Demonio Pellegrino ha detto...

nero, magari e' stata anche la Franzoni a Garlasco?

Satrapo ha detto...

La notizia vera non sta nel fatto che abbiano chiuso l'inchiesta ora, dopo 52 anni dai fatti. Ma che l'abbiano aperta un anno fa.

Ti potrebbero interessare anche questi post qui:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...